Cosa è

Tin-up è un rivoluzionario sistema di abbronzatura spray che consente a chiunque di ottenere rapidamente e in modo semplice una tintarella naturale ed uniforme, sia sul viso che sul corpo e in qualsiasi momento dell’anno.

La soluzione abbronzante di cui è composto è completamente naturale, Made in Italy e, nebulizzata con l’apposito erogatore, in grado di donare subito alla pelle uno splendido colorito dorato ed uniforme, lo stesso che si otterrebbe esponendosi per più giorni al sole dei Caraibi.

Ma non solo, la sua formula naturale idrata delicatamente lasciandola morbida, vellutata e bella da guardare.

Il sistema Tin-up

Tin-up è composto da due elementi principali: la pistola erogatrice e la soluzione abbronzante.

La pistola erogatrice consente di nebulizzare la soluzione in modo uniforme, assicurando una distribuzione omogenea del liquido. Alcuni piccoli accorgimenti nel suo impiego vi consentiranno di ottenere un’abbronzatura splendida in ogni momento dell’anno.

Trattandosi di un prodotto “senza fili” (si ricarica dalla rete elettrica con il caricabatterie in dotazione) lo si può portare ed usare ovunque.





La soluzione abbronzante, il cuore di Tin-up, è distribuita in due distinte versioni: BRONZE per soddisfare coloro che hanno pelli chiare, EXTRADARK per coloro che invece hanno pelli più scure. Entrambe sono composte dalla medesima formula di base, il DHA, un estratto naturale della canna da zucchero.

Ogni confezione contiene un campione di prova da 50ml della versione corrispondente.

Le ricariche da 150 ml sono vendute separatamente in tutti i punti vendita dove si può acquistare Tin-up.

La soluzione abbronzante

I principi attivi della soluzione di Tin-up sono a base di DHA, un estratto naturale della canna da zucchero. Questa sostanza reagisce in maniera naturale con la cheratina presente nello strato più superficiale della pelle (lo strato soggetto alla naturale esfoliazione) favorendo una colorazione del tutto simile a quella raggiunta con l’esposizione solare: ma senza alcuna tossicità o effetto collaterale e senza stimolare la produzione di melanina. Ecco perché Tin-up non ha nulla a che vedere con gli abbronzanti solari tradizionali ne con le creme protettive.
Anzi, in caso di esposizione al sole, anche dopo la sua applicazione è bene ricorrere ai sistemi di protezione consigliati normalmente.

Ogni singola applicazione garantisce un effetto “colorante” che può durare dai 3 ai 7 giorni fino ad attenuarsi gradualmente e svanire completamente mentre i principi abbronzanti agiscono nell’arco delle 2-6 ore successive al trattamento durante le quali l’abbronzatura si fissa e si intensifica. La durata della tintarella dipende dal tipo di pelle del soggetto e dalla ripetizione delle applicazioni.
La lozione non contiene parabeni e rappresenta la soluzione più avanzata in grado di eliminare tutte le problematiche relative alla comparsa di macchie o variazioni di colore giallo/arancio, rendendo più luminosa l’epidermide.

Una cosa importante: Tin-up può essere usato da tutti, specialmente da coloro che non tollerano l’esposizione ai raggi solari, da chi teme macchie e segni dell’invecchiamento cutaneo e da chi non ha il tempo di andare in spiaggia a prendere la tintarella estiva.


Come si usa

Tin-up è facilissimo da usare, pochi semplici accorgimenti vi aiuteranno ad ottenere il massimo dal prodotto. Seguite le indicazioni riportate nel video educational e vedrete che i risultati saranno rapidi e sorprendenti. La formula alla base di Tin-up è stata studiata per darvi un colorito identico a quello che otterreste esponendovi al sole dei Caraibi, senza generare macchie o colorazioni innaturali. Per qualunque altro tipo di informazioni contattateci.

F.A.Q.

Tin-up ha contro indicazioni?

No perché le sostanze di cui è composto (DHA) sono fondamentalmente degli zuccheri che colorano lo strato più superficiale della pelle. In altre parole non ci si abbronza per reazione chimica alla melanina. Il colorante si lava via dopo circa 8 ore dall'applicazione, cioè quando il DHA è penetrato stabilmente sulla pelle.

La soluzione abbronzante è naturale e sicura?

Si, come già detto si basa su estratti naturali della canna da zucchero, il DHA che ha un potere colorante intrinseco. Inoltre non contiene alcool. Questa soluzione è stata approvata dal FDA e da oltre 20 anni viene utilizzata nell'industria cosmetica. Prima di applicarla su tutto il corpo, suggeriamo di testarne gli effetti su una porzione ristretta di pelle.

Quali sono i componenti della soluzione abbronzante?

Ecco elencate di seguito le sostanze di cui è composta la soluzione abbronzante di Tin-up: AQUA, DIHYDROXYACETONE, POLYSORBATE 20, GLYCERIN, PROPYLENE GLYCOL, PHENOXYETHANOL, PPG-26-BUTETH-26, CI 15985, PEG-40 HYDROGENATED CASTOR OIL, CI 16035, SODIUM METABISULFITE, ETHYLHEXYLGLYCERIN, CITRIC ACID, CI 42090, TETRASODIUM EDTA.

Tin-up è un abbronzante solare?

Tin-up non è un abbronzante, quindi non sostituisce le creme solari. In primo luogo perché non ha alcun tipo di reazione all'azione dei raggi solari, in secondo luogo perché non da alcuna protezione dai raggi U.V. Se vi recate in spiaggia dopo aver utilizzato Tin-up, raccomandiamo di usare tutte le precauzioni standard per prevenire eventuali danni dovuti all'esposizione solare (scottature, allergie ecc.).

Bisogna preparare la pelle prima di usare Tin-up?

La pelle deve essere pulita e priva di creme o trucchi. Per una applicazione ideale e per ottenere risultati eccellenti anche in termini di durata, suggeriamo di farsi una doccia preventiva e approntare un trattamento esfoliante sul corpo (mediante l'uso di spugne apposite).

Bisogna proteggere i capelli prima di usare Tin-up?

Tin-up non colora i capelli tuttavia, se si vuole evitare il contatto di questi ultimi con il prodotto, è consigliabile utilizzare una cuffia per doccia o un asciugamano scuro.

Che cosa bisogna fare dopo l’applicazione del prodotto?

Per non vanificare o pregiudicare anche solo parzialmente il risultato abbronzante, è consigliabile, entro le 8 ore successive, evitare qualunque contatto della pelle con acqua o sostanze che potrebbero ostacolare l'azione colorante del DHA (sudore, creme idratanti ecc.). E' buona norma dunque evitare quelle attività che possono produrre eccessiva sudorazione. Consigliamo anche di indossare abiti scuri almeno per le 8 ore successive al trattamento.

Che differenza c’è tra Tin-up BRONZE e Tin-up EXTRA DARK?

Tin-up BRONZE e Tin-up EXTRA DARK hanno fondamentalmente un potere diverso di colorazione. Il primo porta le pelli chiare (fototipo I e II) ad una colorazione intensa e dorata, il secondo ottiene lo stesso effetto su quelle più scure (fototipo III e IV) . Questo non esclude che persone di carnagione chiara, che desiderano un'abbronzatura molto intensa, possano usare la versione EXTRA DARK.

Tin-up può colorare la pelle di una tinta innaturale (es. giallo/arancio)?

Questo è il primo problema che Tin-up ha risolto brillantemente. La colorazione che si ottiene dopo l'applicazione è realmente la medesima che si otterrebbe dopo una prolungata esposizione al sole dei Caraibi. Anche in fase di decolorazione non ci sono variazioni di tonalità e la pelle mantiene una tintarella sempre naturale.

Quanto permane l’effetto abbronzante?

Dipende dal tipo di pelle che si ha e dal numero di applicazioni che si praticano. In condizioni normali la durata dell'abbronzatura con Tin-up varia dai 3 ai 7 giorni.

Si può prolungare l’effetto abbronzante oltre i 3/7 giorni?

Certamente, ripassando sul corpo l'erogazione spray a distanza di due o tre giorni dalla prima applicazione.

Se si spruzza una quantità eccessiva di prodotto cosa bisogna fare?

L'erogatore di Tin-up è studiato per consentire una nebulizzazione omogenea tuttavia, se ci si sofferma troppo su una zona, può capitare che vi si depositi una quantità eccessiva di prodotto e si formino macchie più scure o gocce di liquido. In questo caso basta rimuoverla con un fazzoletto di carta e nebulizzare nuovamente la zona.

Si può prendere il sole dopo aver usato Tin-up?

Si sapendo che Tin-up non ha alcuna protezione dai raggi solari. Pertanto, se ci si espone al sole dopo aver effettuato un trattamento, è bene utilizzare le stesse precauzioni che si adotterebbero in circostanze normali. RIbadiamo che Tin-up non è un abbronzante solare seppure i risultati estetici siano gli stessi.

Tin-up può macchiare mobili o tessuti?

In genere suggeriamo di spruzzare Tin-up in luoghi dove non vi siano mobili o suppellettili di valore. Avendo un'azione colorante non sappiamo come alcuni materiali (legno, stoffe, pavimentazioni in cotto ecc.) potrebbero reagire a contatto con il prodotto. Onde evitare questo è buona norma utilizzare lo spray in un luogo "non a rischio" come il box doccia oppure un locale dove disporre sul pavimento un tappeto di protezione.

Come si lavano abiti chiari inavvertitamente macchiati dalla soluzione?

Non è necessario l'uso di prodotti particolari, con un normale lavaggio le macchie spariscono.

E’ necessario pulire l’erogatore dopo ogni ciclo?

Certamente. Per assicurare un corretto funzionamento del prodotto senza intasamenti e per EVITARE IL DECADIMENTO DELLA GARANZIA, come riportato nel manuale d’uso, dopo ogni ciclo di abbronzatura con max 30ml di soluzione, è necessario effettuare un ciclo con 10-15ml di acqua calda posta nel serbatoio al posto della soluzione abbronzante. Questa procedura permette di evitare interruzioni dell’erogazione durante il trattamento e di mantenere pulito tutto il circuito di canalizzazione.

Social

Contatti

Per avere informazioni o chiarimenti su Tin-up utilizza i contatti riportati qui sotto:


- Chiama il numero di assistenza diretto (solo per l’Italia)


- Inviaci una mail indicando il tuo nome e cognome:
info@tin-up.it